25 marzo 2009

RFID E GRANDE FRATELLO




-->

Il celebre show Grande Fratello 2009 in Inghilterra, attualmente in corso, in questa edizione ha un altro particolare partecipante, lo RFID. Endemol, la società che produce lo spettacolo che ha avuto inizio il 2 gennaio, nella casa ha inserito la tecnologia RFID fornita dall'azienda produttrice Wavetrend per il tracciamento dei partecipanti durante l'intera stagione. Ciò consentirà inoltre a degli psicologi di interpretare i modelli comportamentali dei partecipanti e le loro reazioni alla notizia dello sfratto dalla casa. Per questo scopo l'azienda ha installato quindici lettori RFID dislocati in vari punti dell'ambiente quali: la camera diario, l'area fumatori, i bagni e le camere da letto.. e a tutti i partecipanti è stato richiesto di indossare etichette RFID per tutta la durata della loro permanenza in casa. In questo modo gli autori del programma possono sapere in tempo reale dove si trovano i giocatori e ricostruire che cosa hanno fatto durante tutta la giornata.
Cercavamo una tecnologia che desse una nuova dimensione al programma”, ha dichiarato Gareth Collett, Executive Producer di Celebrity Big Brother. “L'Rfid e la Wavetrend ci hanno dato una mano e ora possiamo monitorare in un nuovo modo (e per tutto il giorno) le attività dei concorrenti. Se questo esperimento dovesse aver successo penso proprio che lo replicheremo su altre produzioni”.

Quindi aspettatevelo anche in Italia per la prossima edizione . Tutto questo, naturalmente per contribuire a rendere accettevole al pubblico televisivo una cosa che servirà al controllo globale della popolazione, facendola passare come una cosa affascinante o divertente affinchè se ne produca il desiderio di emulazione, e se ne accetti successivamente e senza ribellioni la capillare presenza ventura senza rendersi conto cosa significhi realmente, finchè non sarà troppo tardi.

Manifesti, documenti, giocattoli: il chip Rfid è ovunque

Cosa sono gli RFID? Sono chip wireless, piccolissimi, [ne esistono di vari tipi] che consentono di trasmettere dei dati wireless. Per esempio, si possono utilizzare nelle etichette dei prodotti, di modo da far calcolare a una cassa automatica il conto senza nemmeno toglierli dal carrello. Ma gli RFID sono utilizzati anche nelle carte d’identità di alcuni paesi, giusto per fare un altro esempio eccellente. Gli RFID sono così “utili” che il loro utilizzo va anche oltre le applicazioni “ordinarie”. Per esempio, Audi li usa per controllare il modello “TT” mentre è in fase di costruzione. Oppure, gli RFID sono utilizzati in orologi per bambini, per tenerli sotto controllo. Altri tipi di RFID sono così minuscoli da poter essere scambiati come granuli di polvere, e quindi possono essere sparsi, o addirittura ingeriti.
tenetevi aggiornati costantemente sugli RFID
e diffondete l'informazione
parlandone a più persone possibile!

Lunedi' 16 marzo è partita ufficialmente la raccolta delle nomine per il Big Brother Award Italia 2009, che terminera' il 17 aprile.

Cos'e' il BBA Italia? E' un premio "in negativo" che fin dallo scorso millennio (1998 per l'esattezza) viene assegnato in tutto il mondo a chi piu' ha danneggiato la privacy. In una situazione in cui la privacy e' fatta continuamente a polpette dalle nuove tecnologie e da discutibilissime iniziative di "sicurezza", il BBA vuole puntare il dito contro chi opera in prima linea contro la privacy, beneficiando spesso del fatto che mai come in questo periodi i "riflettori" della pubblica attenzione sono lontani da questi argomenti. Alla fine di maggio a Firenze si terra' e-privacy 2009.
Il tema dell'edizione 2009 e' "Verso il Controllo Totale".
Il comitato organizzatore ha deciso di aprire una Call For Paper formale, con inizio l'11 marzo e che si chiudera' il 15 aprile; le accettazioni saranno comunicate agli autori entro il 22 aprile. La consegna delle relazioni e/o slide degli interventi accettati dovra' essere effettuata entro l'8 maggio.
Come di consueto saranno valutate anche proposte su temi, specialistici, sia tecnologici che legali, relativi alla privacy in Rete e fuori.
La diffusione dalla Rete nella vita quotidiana e' accompagnata da una sua manipolazione sia tecnologica che legale che permettera' di ottenere un media facilmente censurabile e controllabile.
Con gli stessi mezzi e con un consenso impressionante la Rete viene trasformata in un mezzo di intercettazione preventiva di massa.
Il tecnocontrollo sociale ottenibile fa sembrare l'attivita' delle polizie segrete dei paesi totalitari del passato un lavoretto artigianale ed improvvisato.
In Italia l'art.50 bis del pacchetto sicurezza obblighera' gli ISP [Internet Service Provider] al filtraggio dei contenuti; la censura completa di qualsiasi contenuto scomodo sara' ottenuta tramite l'estensione della fattispecie dell'apologia di reato.
Il Parlamento europeo ha in cantiere attivita', come il pacchetto Telecom, che elimineranno la neutralita' della Rete trasformandola nel piu' controllato e censurabile mezzo di comunicazione della storia dell'umanita'. Sullo sfondo di un'attivita' legislativa prossima alla conclusione, il famigerato Rapporto Medina si propone di creare un quadro complessivo che giustifichi iniziative future anche peggiori.
Questo avviene nel disinteresse generalizzato verso la difesa della propria ed altrui privacy, evidenziato non solo dall'indifferenza verso una data retention pervasiva ed obbligatoria per legge, ma anche dalla trascuratezza con cui blogger e partecipanti a comunita' sociali digitali diffondono i loro dati personali in Rete.
Fonti:
rfid weblog

rfidItalia

Jack

BigBrotherAward









Giona

Share |

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 

blogger templates |