6 gennaio 2011

IL RACCONTO DELL'ANTICRISTO


Accecate il popolo di menzogne, e vi seguiranno. Dite la Verità, e vi appenderanno alla croce.

Il "Racconto dell'Anticristo" è stato scritto da Vladimir Solovev nel 1904.
Parla dell'ascesa e dell'improvvisa caduta di un uomo straordinario che aveva fatto un patto col diavolo. Solovev era religioso e parla soprattutto sotto metafora in termini religiosi. Ma lo scenario politico che dipinge nel suo racconto è affascinante...

Il racconto...


In pratica l'Europa si unifica dopo che si è liberata da un'aggressione totalitaria (Solovev pensava al Giappone, non sapeva ancora che il suo Paese sarebbe diventato l'Urss, né che la Germania sarebbe diventata nazista), dall'Europa nasce un governo mondiale (anche qui: nell'epoca di Solovev l'Europa dominava il mondo, gli Usa erano ancora lontani nel loro beato isolamento) e al governo mondiale ascende un presidente che piace a tutti, ma veramente a tutti. Promette la fine di tutte le guerre, la redistribuzione delle ricchezze dai Paesi ricchi a quelli poveri, la riconciliazione e poi anche la fusione fra le religioni da sempre antagoniste: ebrei, cristiani cattolici, ortodossi e protestanti, musulmani... tutti uniti in un'unica fede sincretista. Il nuovo presidente promette il superamento della giustizia, presentandosi come l'evoluzione necessaria del cristianesimo:

"Il Cristo è stato il riformatore dell'umanità, io sarò il suo benefattore. Darò a tutti gli uomini ciò che è loro necessario. Il Cristo, come moralista, ha diviso gli uomini secondo il bene e il male, mentre io li unirò coi benefici che sono ugualmente necessari ai buoni e ai cattivi. Sarò il vero rappresentante di quel Dio che fa sorgere il suo sole per i buoni e per i cattivi e distribuisce la pioggia sui giusti e gli ingiusti. Egli ha minacciato alla terra il suo terribile giudizio. Però l'ultimo giudice sarò io e il mio giudizio non sarà solo di giustizia, ma anche di clemenza"


Quindi abbiamo uno scenario fantapolitico in cui: la più grande potenza mondiale democratica diventa un governo mondiale, arriva al potere un presidente che piace a tutti i popoli e che nessuno osa criticare, abbiamo un presidente che si presenta come un benefattore dell'umanità, mettendo sullo stesso piano il bene e il male.



 Ricorda qualcuno o qualcosa? 



Io un nome ce l'avrei. E inizia per O. Finora solo qualche "pazzo" lo ha paragonato all'anticristo. Io, da non cattolico, ci ridevo sopra, ma inizio a temere. Quando ho sentito il suo discorso, puramente sincretista, rivolto ai musulmani al Cairo, quando non l'ho sentito parlare da presidente di un Paese, ma da guida di tutto il mondo, quando ho visto che il giorno dopo i media gli davano più spazio e importanza di un Papa... ho ricominciato a vedere le stesse cose descritte un secolo fa da Solovev. Con una "piccola" differenza, però. Che Solovev credeva nella dicotomia tra corpo e anima, credeva che in un corpo sano possa esserci un'anima malata. Il suo Anticristo rende sani e prosperi i suoi cittadini nella loro vita terrena, anche se è destinato a condannarli alla dannazione nella vita ultraterrena. L'Anticristo di Solovev, con la sua intelligenza superiore, riesce realmente a porre fine alle guerre e ad arricchire per davvero i Paesi poveri, ma priva miliardi di esseri umani del loro libero arbitrio. Nella vita reale, questa dicotomia fra corpo e anima, proprio, non si vede. I popoli privati della libertà individuale muoiono di stenti. I governi che provano a redistribuire la ricchezza, non fanno altro che livellare verso il basso i redditi dei loro cittadini (e arricchire solo la piccola élite politica). 

I governi che promettono la pace nel mondo, direttamente o indirettamente, causano le guerre più gravi.


Un governo che vuole abolire le religioni o incoraggia una loro fusione, non fa altro che attizzare i peggiori fondamentalismi. Un Anticristo calato nella realtà, insomma, impiegherebbe meno di 10 anni per rendere il mondo un posto più povero, meno pacifico e meno tollerante.

Tra parentesi: il presidente degli Stati Uniti si è detto favorevole alla prospettiva di un governo mondiale.
Iniziamo a prepararci... 


Articolo di S.Magni




Articolo correlato: Zeitgeist, il Dio Sole e l'uomo nuovo 








Share |

5 commenti:

Anonimo ha detto...

L'anticristo dal volto umano. Il Padrone del Mondo
Robert Hugh Benson (1871-1914
http://jesumary.altervista.org/materiale/il_padrone_del_mondo.pdf
____

Barry Soetoro
http://karmaesanguefreddo.blogspot.com/2010/09/barry-soetoro.html

Anonimo ha detto...

se l'anticristo è già all'opera...tu lasci intendere sia Obama...dove sono Enoch ed Elia?!

Giona ha detto...

Anonimo,

spesso il piglio dell'incredulità è mescolato alla mancanza di conoscenza della Parola di Dio.

Non sono il solo a identificare Obama nel ruolo di antiCristo (la fonte di questo articolo è difatti la-Bibbia.it) ma vari altri studiosi e ricercatori lo credono come me perchè hanno constatato in lui l'adempimento di numerosissime indicazioni profetiche sull'antiCristo.

Non è detto o scritto da nessuna parte nella Parola di Dio che i due profeti siano o debbano essere esattamente Elia ed Enoch. Ma possiamo dire che avranno le stesse caratteristiche di potenza e obbedienza.

Infine, i due profeti nelle scritture giungono appunto quando l'antiCristo si manifesterà al mondo in Gerusalemme, cioè all'inizio dell'ultimo periodo del regno dell'antiCristo sulla terra. Questo periodo corrisponde a tre anni e mezzo (gli ultimi tre anni e mezzo della storia dell'uomo), all'inizio dei quali i due profeti appaiono sulla terra dando inizio al loro ministero della durata di 1260 giorni... stiamo parlando della fase finale dell'Apocalisse (dove l'antiCristo avrà la sua massima potenza, la gente verrà marchiata e i cristiani verranno uccisi sistematicamente). Dopo questo periodo i due profeti (o testimoni) verranno uccisi alla fine della tribolazione. Dopo verranno risorti, e di lì a breve dopo il rapimento della Chiesa avverrà in successione Harmagheddon.

È chiaro che l'antiCristo arriverà probabilmente a rivestire la carica di qualche tipo di guida mondiale molto tempo PRIMA di questi ultimi tre anni e mezzo, perchè dovrà CONSOLIDARE IL SUO POTERE FINCHÈ ARRIVERÀ AL PUNTO CHE SARÀ IN GRADO DI DICHIARARE SE STESSO DIO.



Giona

Anonimo ha detto...

Ciao Giona .. cosa pensi riguardo ai 4 cavalieri dell'Apocalisse?
io personalmente credo che sia già venuto il tempo del 3^.. quello che è in relazione secondo me con la gestione economica

Vorrei sapere cosa ne pensi, anche in merito alla prossima venuta di Gesù :) ....
Dio ti benedica! ..

Giona ha detto...

@Anonimo

io credo che non si possa speculare sulle profezie con personali interpretazioni degli accadimenti dal punto di vista escatologico. bisogna fare molta attenzione.

non credo sia possibile che ci troviamo già al 3° cavaliere dell'Apocalisse, poichè il 2° si riferisce a una grande e terribile guerra che deve accadere ancora, successivamente il terzo cavaliere getta la terra in preda di una grande carestia che sarà probabilmente la diretta conseguenza degli effetti devastanti del secondo cavaliere.

puoi trovare un'ottima spiegazione al seguente link

http://www.gotquestions.org/italiano/quattro-cavalieri-Apocalisse.html


riguardo alla prossima seconda venuta di Gesù , personalmente (e non solo io) credo che sia molto vicina, ma appunto prima devono purtroppo necessariamente accadere varie cose terribili a livello globale. la crisi economica nella quale il mondo sta scivolando è il preludio delle devastazioni che sono profetizzate fin dai tempi antichi, e che stanno per avverarsi.

chi ha orecchie da udire ODA! preparatevi e state vicino a Gesù, l'unica Salvezza!


Dio ci benedica Anonimo!


a presto,

Giona

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 

blogger templates |