21 marzo 2012

IL PECCATO E' COME UN BUCO NERO






Share |

2 commenti:

Roberto ha detto...

Ciao Giona,ritorno a seguirti dopo veramente molto tempo e dalle credenziali che ti lascio (nome/sito) avrai modo di capire chi sono.
In realtà non ho mai smesso di seguirti anche se molte problematiche nella mia vita mi avevano allontanato dal Signore ma soprattutto dalla sua Parola della quale ora sento più bisogno che mai.
Il video che hai inserito rende palpabile con mano questo buco nero e tutte le "perversioni" dell'essere uomo e quindi corrotto e corruttibile dal maligno: ciò accade perchè siamo umani e quindi deboli.
Ciò che risalta dal video sono,ai miei occhi,anche i peccati "capitali" ma non solo: la presunzione dell'uomo nel non volersi accontentare e di non aver bisogno di chiedere perdono.. ma "Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità." (1 Giovanni 1:9).
Credo sia necessaria tanta buona forza di volontà,razionale e spirituale,per intraprendere questo percorso di continua "redenzione" (passami il termine) nei confronti del nostro Padre.
Pietro ci mette in guardia "Siate sobri, vegliate; il vostro avversario, il diavolo, va attorno come un leone ruggente cercando chi possa divorare." (1 Pietro 5:8) e credo che questa sia la via che il Cristiano debba perseguire ogni volta,con sempre più tenacia,cuore e mente "Resistetegli stando fermi nella fede, sapendo che le stesse sofferenze affliggono i vostri fratelli sparsi per il mondo.".

Per ora ci sono poche mie parole ma è solo un gesto per dimostrarti la mia presenza e il desiderio anche di volerti/vi passare a trovare molto presto.
Un abbraccio.

Roberto


THE WORD IS ALIVE!

Giona ha detto...

Caro Roberto, è un grande piacere sentirti. Mi scuso per il ritardo nel risponderti ma proprio in questi giorni ho avuto problemi col pc (..chissà come mai ? :)
capisco e conosco perfettamente i tuoi trascorsi e vicissitudini, e che non dipendono certamente da te.
Mi confortano felicemente le tue riflessioni, che capisco provengono da una persona che sta seriamente maturando nella fede e nella Verità. Che Dio ti benedica!

Il peccato è davvero un buco nero che attrae e poi annienta chi vi è caduto. Spesso in varie occasioni è quasi impossibile tornare indietro e uscirne. ''...quando la concupiscenza ha concepito, partorisce il peccato e il peccato, quando è consumato, genera la morte.'' (Giacomo1:15)

confessare il nostro peccato a Dio è già un buon passo, ma spesso accade che venga confessato (magari per ''scaricarsi'' la coscienza per stare ''meglio'') MA NON ABBANDONATO. Quindi l'abbandono del peccato è la diretta e giusta conseguenza di riconoscere di avere sbagliato.

"Chi confessa il suo peccato e lo abbandona, otterrà misericordia".(Proverbi28:13). Come può l'uomo (o donna) ottenere misericordia e dunque perdono da Dio, se il suo orecchio ormai si è fatto insensibile ai richiami del Signore? Egli è come quell'uomo che ha la sua casa sulla stazione ferroviaria. Quando vi si è trasferito, i rumori gli recavano fastidio e per lui era quasi impossibile dormire. A distanza di tempo, si è "abituato" e vive come se la sua abitazione fosse ubicata in mezzo ad un giardino. Tale è il cuore di chi ha respinto per tanto tempo la voce del Signore.

-Credo sia necessaria tanta buona forza di volontà,razionale e spirituale,per intraprendere questo percorso di continua "redenzione" (passami il termine) nei confronti del nostro Padre.-

..è esattamente così caro fratello, grazie per il tuo edificante commento.

ti aspettiamo presto!

un caro abbraccio fraterno

Giona

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 

blogger templates |