11 gennaio 2014

''UFO'', NEW AGE e SATANISMO

 

Le origini occultistiche del fenomeno “Alieni” nasconde un’aspettativa messianica: saranno gli extraterrestri i nuovi salvatori del genere umano?


Gli “extraterrestri” sono alle origini della nuova religione che si chiama “New Age”, e non ha niente a che vedere con la ricerca della vita nell’universo.

Dietro questa sigla apparentemente innocua, oltre ai semplici emuli di religioni orientali si nascondono anche personaggi più inquietanti che vanno dall’occultismo al satanismo.


Già in precedenza abbiamo evidenziato come dietro la credenza della vita su Marte e poi sugli altri pianeti ci fosse la convinzione, nata in ambito occultistico, che le anime dei defunti migrassero su altri pianeti in un percorso di purificazione. La credenza era stata diffusa dallo spiritista Allan Kardec al quale si deve gran parte della diffusione dello spiritismo in occidente nell’800 (CS –Parliamo di extraterrestri; Ci risiamo con i marziani? Dallo spiritismo di Schiaparelli alla fiction di oggi).
 
Quello che è meno noto è che chi parlò di un “extraterrestre” fu il noto “mago” Aleister Crowley autodefinitosi “La Bestia 666“:



L’immagine di Crowley qui sopra riprodotta è più nota di quello che si potrebbe pensare e in molti potranno averlo riconosciuto. Quel che è meno noto è che fu proprio lui non solo a coniare il termine “extraterrestre” ma anche a produrre la prima immagine di un extraterrestre che venne poi pubblicata nel 1919:

Lam”, il disegno dell’extraterrestre evocato da A. Crowley e pubblicata nel 1919.



Ma quella non fu l’unica volta che in ambito satanista fu usato il termine “extraterrestre” per indicare degli spiriti. Dal libro “Extraterrestritraiamo infatti il seguente passaggio:
L’associazione degli extraterrestri con entità che nulla hanno a che vedere con forme di vita biologica provenienti dallo spazio interstellare è affermata anche da Kenneth Grant, un altro noto esoterista, uno dei più importanti divulgatori dell’opera di Crowley, il quale affermava: «Operando con le formule della magia thelemica, Parsons prese contatto con esseri extraterrestri dell’ordine di Aiwass».
Una ulteriore conferma dell’origine esoterica del mito dei dischi volanti viene inoltre dal ritratto che, nel 1919, Aleister Crowley fece di un’entità che gli sarebbe apparsa durante un’operazione successiva a quella che nel 1904 aveva portato alla manifestazione di Aiwass. L’immagine disegnata da Crowley si riferisce a una «Intelligenza extraterrestre» il cui nome sarebbe stato Lam, il ritratto venne poi esposto in una mostra a New York nello stesso anno
Jack Parsons, discepolo di Crowley, l’evocatore di spiriti di cui si parla nel brano sopracitato, si faceva chiamare l’ “Anticristo“, si trattava di un personaggio dalle molteplici sfaccettature, un uomo che univa le evocazioni demoniache allo sviluppo dei missili, tanto che giunse a fondare il Jet Propulsion Laboratory che è oggi una delle maggiori agenzie della NASA. 
 

Jack Parsons

Jack Parsons parallelamente agli esperimenti sui missili conduceva quelli in ben altri campi, al riguardo leggiamo ancora un brano tratto da “Extraterrestri
Crowley e Parsons ritenevano che per poter giungere all’instaurazione dell’Eone di Horus si sarebbe dovuti passare prima per la distruzione del cristianesimo, a testimonianza di ciò osserviamo che Crowley si faceva chiamare Bestia 666 mentre Parsons si era dato il nome di Anticristo.
Entrambi erano inoltre convinti che si potesse generare uno spirito detto «elementale», in forma umana, facendolo incarnare nel feto di una donna incinta nel corso di appositi rituali (qualcosa del genere lo avrebbe rappresentato in seguito il regista Roman Polansky nel film Rosemary’s baby)
La scienza più avanzata andava così in parallelo all’occultismo più oscuro, mentre i propellenti per razzi di Parsons contribuivano alla corsa allo spazio egli cercava di far incarnare un demone:
Jack Parsons nel 1946 decise quindi di intraprendere l’esperimento (denominato operazione Babalon) dell’incarnazione di un demone con Marjorie Cameron, una donna che riteneva in qualche modo predestinata.
L’assistente per quel tentativo sarebbe stato L. Ron Hubbard, il quale in seguito avrebbe fondato il movimento Scientology che avrebbe riscosso un vasto successo nell’ambiente del cinema hollywoodiano.
Marjorie Cameron ignorava la natura del progetto che stava prendendo forma su di lei e, per avere la prova che fosse proprio lei la predestinata, Parsons la condusse nel deserto dove, in caso affermativo, la donna avrebbe dovuto avere la visione di un «UFO argentato a forma di sigaro»
Ecco dunque che dopo la nascita in ambito occultistico-satanista della figura dell’ “extraterrestre” assistiamo dunque all’apparizione del primo “UFO” che, come abbiamo visto, non aveva assolutamente nulla a che vedere con un’astronave.

La vicenda fu raccontata dal regista Kenneth Anger, anch’egli seguace di Crowley e appartenente alla Chiesa di Satana:


Kenneth Anger

Una caratteristica che stranamente unisce questi personaggi è la loro negazione di essere satanisti, una contraddizione che si può comprendere nel momento che si analizza la distinzione da loro operata tra Satana e Lucifero. Loro erano “luciferiani”, interpretavano cioè il racconto del Genesi dalla parte del Serpente: Lucifero per loro aveva veramente cercato di liberare l’umanità dalla schiavitù, era lui a dire la verità nel giardino dell’Eden.

E il regista Kenneth Anger volle celebrare l’esperimento di Jack Parsons in un film, un cortometraggio di circa mezz’ora dal significativo titolo “Lucifer Rising”. Sorge Lucifero.

Di seguito è possibile osservare come termina il film, come viene cioè preannunciato il “sorgere” di Lucifero:

(al seguente link youtube)
Lucifer Rising - Kenneth Anger

Si tratta di segni nel cielo, e quello che appare sono esattamente quelli che comunemente vengono chiamati “UFO”.

Per chi avesse una mezz’ora (e la voglia di vederlo) la visione dell’intero filmato rappresenta una delle migliori esposizioni dell’essenza di quello che viene definito il movimento “NewAge“.


Forse adesso qualcuno potrà guardare al fenomeno “UFO” con altri occhi.

Sperando che non si facciano più associazioni indebite tra la ricerca astronomica e biologica e la fenomenologia “UFO”.




Fonte:
http://www.enzopennetta.it/2012/01/2012-odissea-nello-spazio-il-messia-extraterrestre/ 


 

con il soprastante e utile articolo (fra i tanti di Enzo Pennetta, Biologo) ho voluto inoltre segnalare Critica Scientifica una visione libera dal pensiero politicamente corretto sugli argomenti (e le versioni) che la gente accetta ciecamente da parte del mondo scientifico.. un ottimo sito degno di essere scoperto e seguito.

 

 







Share |

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 

blogger templates |